Miscellaneous

Questa pagina come dice la parola "Miscellaneous" è un miscuglio di modelli di vari film o serie TV.
Con il passare del tempo ho deciso per ovvie ragioni di allontanarmi leggermente da quello che è il contenuto classico di "Fantamodellismo 70-80" e pur non rinnegando le origini che vengono spesso aggiornate laddove c´è un seguito attuale delle pellicole, ho deciso di creare un angolo dove inserire costruzioni di oggetti talvolta piú recenti che non siamo necessariamente di fantascienza in senso stretto ma che abbiamo sempre a che fare con il fantastico. Ed ecco trovare la Nimbus 2000, famosa scopa di Harry Potter o la DeLorean di Ritorno al Futuro oppure una scena di Jurassic Park.
Questa pagina ancora piú di altre è in evoluzione continua, perché possono essere aggiunti oggetti di ogni genere quindi se vi piace godetevi lo spettacolo.

La Nimbus 2000 è una scopa da corsa prodotta nel 1991 dalla ditta di Devlin Whitehorn, la Compagnia Scope da Corsa Nimbus.
Nel momento in cui fú messa sul mercato, la Nimbus 2000 era la piú veloce scopa esistente e ha regnato indisturbata sui campi di Quidditch fino a quando non è stata surclassata dalla Nimbus 2001.
Pur non trattandosi di un modello recente, la Nimbus 2000 viene ancora oggi utilizzata nelle competizioni.
Il manico sottile di mogano dall'elevata resistenza e un´aerodinamica eccellente fa di questa scopa un oggetto veloce e scattante adatto per acrobazie aeree come gli avvitamenti o il giro della morte. Ma il suo punto di forza risulta ancora oggi la coda, costituita da rami perfettamente dritti e levigati che mantengono stabile l´assetto.

L'operatore a bordo della DeLorean aziona i circuiti temporali (anche detti tempo-circuiti o circuiti del tempo) inserendo una chiave.
Con l'accensione si visualizzano tre display a sette segmenti (dall'alto verso il basso): uno rosso, uno verde e uno giallo, che indicano rispettivamente la data e l'ora impostate come destinazione, la data e l'ora a cui ci si trova e la data e l'ora da cui si è partiti l'ultima volta che la macchina è stata usata.
L'operatore imposta data e ora di destinazione sul display tramite una tastiera, poi accende il motore e accelera fino a 88 miglia orarie (141,6 km/h).
Quando il flusso canalizzatore si attiva, la DeLorean sparisce in un "accecante" lampo di luce blu, lasciando sulla strada due strisce di fuoco, e l'operatore si ritrova alla destinazione temporale impostata. L'assorbimento di energia del trasferimento temporale determina un forte raffreddamento della DeLorean: una volta arrivata a destinazione, la macchina sarà ricoperta di ghiaccio.
Il veicolo si sposta solo nel tempo: al netto dello spostamento del punto di partenza e di arrivo dovuto alla rotazione della Terra, la posizione della macchina alla fine del salto temporale coincide con quella di sparizione all'inizio del salto stesso.

La versione che è stata riprodotta è quella di ritorno al futuro parte 1 quella cioè con combustibile al plutonio e la stessa che usa Martin McFly per ritornare nel 1985 dal 1955. I puristi di questa serie cinematografica si saranno sicuramente accorti che ho inserito all’interno lo skate e l’almanacco dello sport che sono propri della seconda parte dove la Delorean si muoveva con la propulsione a rifiuti ma mi piaceva inserirli ugualmente.

Modello della Polar Light
Pezzi 44
Anno 2014
Kit in stirene

HAL 9000 è il supercomputer di bordo della nave spaziale Discovery nel film 2001 Odissea nello spazio.
Il suo nome è l'acronimo per Heuristic ALgorithmic" ("algoritmo euristico").
HAL 9000 entra in funzione alle "Officine HAL" di Urbana, Illinois, il 12 gennaio 1992, ed è dotato di un'intelligenza artificiale che gli consente di governare l'astronave "Discovery 1", per condurla durante la missione spaziale, dialogando con gli astronauti (parla con una voce totalmente umana) e tenendo sotto il suo controllo ogni aspetto della missione, dai più piccoli ai più importanti.
HAL, macchina teoricamente incapace di commettere errori (gli elaboratori della serie 9000 sono noti per non aver mai commesso errori o alterato informazioni anche in maniera irrilevante), ne commette uno per la prima volta quando rileva un inesistente guasto all'elemento AE-35 dell'antenna principale della Discovery, diventando improvvisamente inaffidabile per l'equipaggio e per il controllo missione sulla Terra.
In 2010 il dottor Chandra, creatore e primo istruttore di HAL, denuncia un'intromissione della Casa Bianca nelle direttive impartite al computer (che lo stesso Chandra ha riattivato), dimostrando che il malfunzionamento è da attribuirsi esclusivamente da ordini errati contrari all´etica della missione.